Perché diciamo NO al disegno di legge Pillon

2018-10-26T03:44:27+00:0026 ottobre 2018|News|

Il Gruppo Avvocate della Rete D.i.Re approfondisce le ragioni dell’opposizione al Ddl Pillon e agli altri disegni di legge su separazione e affido attualmente in discussione in Commissione Giustizia al Senato, in vista della mobilitazione del 10 novembre. 

Il disegno di legge Pillon è un arretramento per le libertà e i diritti civili di tutti e tutte e in particolare per le donne e i/le bambini/e.

  • La legge propone una famiglia unica, ideale ed astratta, famiglia che è imposta come modello a ogni coppia con figli che si separa. Le coppie saranno obbligate a disciplinare ogni aspetto della propria vita secondo regole rigide e prefissate senza spazio all’autonomia e specificità individuale.
  • Impone un percorso lungo e complesso, che moltiplica tempi e costi con l’effetto esplicito di ostacolare la volontà delle persone che vogliono separarsi.
  • Il DDL Pillon impone un percorso di mediazione paternalistico e non certo incentrato sui bisogni di genitori e figli.
  • Questo DDL non solo non riconosce la violenza, ma ne impedisce l’emersione con strategie specifiche: donne e minori sono ricattati nel caso in cui esplicitino qualsiasi riferimento alla violenza.
  • Infine, questo DDL sconta profili di incostituzionalità e viola apertamente numerose disposizioni della Convenzione di Istanbul, della Convenzione CEDAW con le raccomandazioni allo Stato, della Convenzione di New York sui diritti del fanciullo.

Violazione dei diritti civili: Lo scopo del DDL è quello di creare un percorso ad ostacoli affinché donne e uomini desistano dall’idea di separarsi o divorziare.

  • Nega l’accesso alla giustizia.
  • Limita la libertà individuale.
  • Limita la libertà di separarsi / divorziare con l’obiettivo di preservare “l’unità familiare”.
  • Limita la libertà di educare i figli con l’imposizione della figura del coordinatore genitoriale.
  • Cancella la valutazione dell’interesse dei minori (coordinamento genitoriale).
  • Impone un modello di regolamentazione valido per tutti precostituita ed obbligatoria, ignorando anche la concorde e difforme volontà delle parti.

Nota 1. Scarica qui l’approfondimento.

Violazione dei diritti dei minori: Figli divisi sui tempi, sui soldi, sugli affetti, trattati come oggetto e non come soggetto.

  • Impedisce l’emersione della violenza assistita, di fatto misconosciuta.
  • Incide sulla discrezionalità del giudice in materia di ascolto.
  • Propone un’ottica punitiva nei confronti dei minori limitati nella libertà di manifestazione dei loro sentimenti in una modalità di ascolto non tutelante e ritraumatizzante.
  • Obbliga i figli a stare di più con il genitore con cui dichiarano di non voler stare, di fatto imbavagliandoli.
  • Abroga l’art. 570bis c.p. (Violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio).
  • Impedisce il recupero diretto dei crediti maturati per il mantenimento dei minori in caso di inadempimento del genitore obbligato.

Nota 2. Scarica qui l’approfondimento.

Violazione dei diritti umani: Violenza contro le donne, il DDL Pillon di fatto arma i padri violenti che perpetueranno i loro agiti nei confronti delle donne.

  • Favorisce l’utilizzo dei figli per mantenere le donne sotto controllo.
  • Obbliga le donne a rimanere in uno stato di pericolo e le obbliga a trattare con il proprio aggressore.
  • Rappresenta una minaccia nei confronti delle donne che denunciano e che vengono terrorizzate con l’ipotesi di ritorsioni sull’affidamento e la responsabilità genitoriale.
  • Inserisce norme specifiche che penalizzano i figli anche attraverso la normativa in tema di ordini di protezione e l’ulteriore previsione, in tema di ordini di protezioni, e di 709 ter (relativamente alle “false” denunce).
  • Codifica alienazione parentale come strumento per zittire le donne.
  • Basterà una mera segnalazione del padre maltrattante per permettere alle forze dell’ordine di entrare in casa (anche nelle case rifugio) e prelevare il/la minore, senza alcun controllo giurisdizionale.
  • Riduce la pena per il reato di maltrattamenti e ne introduce una ipotesi lieve e introduce la depenalizzazione dell’obbligo di contribuire al mantenimento del coniuge.

Nota 3. Scarica qui l’approfondimento.

Perché diciamo no al DDL Pillon. Scarica qui il documento in un unico file.