One Billion Rising: “Se non si balla, non è la mia Rivoluzione”

2018-02-08T17:18:16+00:00 1 marzo 2016|News|

Quando il nostro corpo è un campo di battaglia,
ballare diventa una rivoluzione

 

Milano, Catanzaro, Bologna, L’Aquila, Brescia, Parma, Cremona, Orvieto, Viterbo, Grosseto,  Merano, Ravenna… i Centri antiviolenza di D.i.Re sono scesi in piazza il 14 febbraio 2016 per dire No alla violenza maschile contro le donne.

Dal 2013 la campagna mondiale One Billion Rising lancia un appello a rivedere, contestare e pretendere il cambiamento di un sistema sociale che infligge alle donne tante forme di violenza e ingiustizia. Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, una donna su tre in tutto il pianeta è oggetto di violenza da parte degli uomini.

Ogni 14 febbraio in tutto il mondo si danza per esprimere la rabbia contro le ingiustizie e la forza della solidarietà globale tra donne. Balliamo per esprimere anche la nostra gioia e manifestare il fatto che, insieme, la violenza può essere sconfitta.

In aumento di anno in anno il numero delle partecipanti in tutto il mondo a Un miliardo insorge.  Il tema del 2013 era “Sollevati!”, quello del 2014 era “Giustizia” e quello del 2015 “Rivoluzione”. Quest’anno il tema è stato “Appello per la Rivoluzione” e, in ogni paesi, le donne sono state invitate a decidere le modalità per a scendere in piazza, mettendo al centro degli eventi i temi e i contesti locali, con le aspirazioni al cambiamento.

Per questo motivo, abbiamo raccolto opinioni, foto e video dei Centri antiviolenza per avvicinare le diverse esperienze e realtà italiane. La maggior parte dei Centri D.i.Re ha organizzato le attività di One Billion Risgin insieme ad altri gruppi e associazioni locali e ha notato che il numero di persone coinvolte nei flashmob e manifestazioni è cresciuto. Anche la presenza degli uomini nelle manifestazioni sembra essere in aumento. E, infatti, One Billion Rising è un’opportunità per sensibilizzare tante persone contro la violenza di genere.

Merano – Foto di Ivana Merlini, Donne contro la violenza, Frauen gegen Gewalt Onlus

“È un’azione rivoluzionaria che parte dal corpo, esprimendo e dimostrando che le donne colpite dalla violenza hanno la forza di reagire e di riappropriarsi del loro corpo, della loro libertà e della loro vita, ballando e cantando celebriamo la ritrovata libertà.”

Bologna – Foto di Inma Mora Sánchez, Casa delle donne per non subire violenza Onlus

“Un evento che mette in primo piano il corpo delle donne e la ribellione del corpo contro la violenza. Un evento segnato dalla gioia e della danza.”

 

“La grande forza, energia e gioia delle donne in piazza per un nuovo modo di essere vive.”

“Esprimere con il corpo, attraverso un atto creativo, la volontà di lottare insieme contro la violenza. La danza unisce nella bellezza espressiva per una rivoluzione forte, convinta, solidale ed efficace.”

“È importante partecipare perchè ci tiene dentro al movimento One Billion Rising che è internazionale, ci dà visibilità nella nostra città.”

“Ci fa molto piacere che altre realtà del territorio bresciano promuovano One Billion Rising coinvolgendo e raccogliendo fondi per il Centro Antiviolenza Casa delle Donne: ciò significa che anche altri soggetti si fanno carico della sensibilizzazione contro la violenza di genere.”

Ravenna – Foto di Sara Tantaro, Linea Rosa

Parma – Foto di Elly Contini, Associazione Centro Antiviolenza di Parma

“È un modo per coinvolgere persone fuori dal giro “tipico” dei Centri antiviolenza ed è un movimento che ha un riscontro mondiale.”

“One Billion Rissing è importante per sostenere con forza l’inviolabilità del corpo e con i corpi portare un messaggio op/positivo alla violenza.”