Progetto: “DORA” Double Risck Assestment

23 febbraio 2017

Ricerca “DORA” Double Risck Assestment – Donne vittime di violenza e neoplasia mammaria, rischi e bisogni

Partner finanziatore: Susan Komen Foundation
http://ww5.komen.org/

Centri coinvolti: Ananke di Pescara, Coop Eva di Casal di Principe, Cerchio delle relazioni e Per non subire violenza di Genova.

Una donna su 4, in Italia subisce violenza nel corso della propria vita da parte del partner o ex partner o di un conoscente.

A 1 donna su 8 in Italia viene diagnosticato un cancro al seno; questo implicherebbe che 1 donna su 6 subisce violenza e manifesta una neoplasia mammaria.

Seppure non sia possibile stabilire un nesso di causalità fra violenza e cancro, è vero che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO, 2012) ha evidenziato come la violenza ha implicazioni dirette e indirette sulla salute e fra cui patologie quali il cancro.

Le donne che subiscono violenza e hanno o hanno avuto un tumore al senso sono doppiamente a rischio dell’insorgenza di problemi di adattamento, insonnia, ansia, depressione non avendo la possibilità di affrontare e gestire e risolvere in contemporanea questi due problemi. Una donna che subisce violenza a cui viene diagnosticato un cancro al seno (questo vale anche per altre neoplasie) non ha la possibilità oggettiva e psicologica spesso per sottoporsi alle cure del caso, e soprattutto farlo con un atteggiamento positivo e un sostegno sociale e familiare di conforto.

Questo potrebbe aumentare il rischio di mortalità o di acutizzazione della patologia, a causa di una diagnosi tardiva o di scarsa compliance medica.

Susan Komen Foundation, i Centri Antiviolenza della rete D.i.Re, insieme alla Professoressa Anna Costanza Baldry della seconda Università di Napoli hanno insieme costruito e stanno portando avanti “DORA”; una ricerca pioniera in quest’ambito, per valutare l’impatto del cancro su donne che vivono situazioni di violenza e maltrattamento.

DORA intende sperimentare, nella procedura di accoglienza delle donne ai Centri uno screening conoscitivo a tutela della salute e di incidenza della malattia. Grazie a questo screening si otterrà un primo quadro conoscitivo dell’incidenza del fenomeno, della recidiva e di alcuni altri parametri come capacità di coping, wellbeing, resilienza, hope.

La conoscenza di questi ‘parametri’ pensiamo possano permettere di intervenire con quelle donne che riconosciamo essere particolarmente a rischio, quelle cioè che hanno o hanno avuto il cancro ma non seguono con costanza le cure, per i problemi di violenza che subiscono, o quelle che subendo violenze non fanno i previsti regolari controlli.

I risultati della ricerca, verranno presentati nel corso del 2017 in eventi dedicati che si svolgeranno nei territori dei Centri Antiviolenza che hanno partecipato alla ricerca.

Progetti in corso
Comments are closed.

CON IL CONTRIBUTO DI: