Iniziative del Centro Antiviolenza Valdichiana

17 luglio 2017

Nelle ultime 24 ore ben tre sono state le donne uccise in Italia da partner o ex partner: una di queste, proprio nella nostra zona. La notizia ha destato clamore: tutti parlano del fatto, ma pochi ne mettono in evidenza la gravità ed il peso sociale.

I dati dell’indagine Istat sulla Sicurezza delle donne voluta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le Pari Opportunità evidenziano che “la violenza contro le donne è fenomeno ampio e diffuso e quasi 7 milioni di donne hanno subito nella corso della propria vita una qualunque forma di violenza fisica o sessuale”, puntualizzando che “sono i partner attuali o ex che commettono le violenze più gravi”.

Ancora oggi solo il 7% delle donne che hanno subito violenza denuncia l’accaduto. E’ davvero sconcertante che ancora 93 donne su 100 vivono nell’omertà. Ciò per diverse ragioni, tutte legate alle dinamiche intrinseche alla violenza. Paura, dipendenza economica, isolamento, mancanza di alloggio, riprovazione sociale spesso anche da parte della stessa famiglia di origine sono solo alcuni dei numerosi fattori che rendono difficile per le donne interrompere la situazione in cui si trovano.
Si crede che la violenza verso le donne riguardi solo le fasce sociali svantaggiate, emarginate, deprivate. Invece è un fenomeno trasversale che interessa ogni strato sociale, economico e culturale senza differenze di età, religione e razza.

Mutatis mutandis, la stessa realtà è fotografata, ogni anno, dall’Osservatorio Sociale Regionale della Toscana, al quale giungono i dati dell’attività svolta dai Centri Antiviolenza di tutta la Regione.
Nel corso del 2017 il solo Centro Antiviolenza della Valdichiana Senese (Associazione Amica Donna) ha accolto ben 56 donne vittime di violenza: si tratta di nuovi casi, che vanno ad aggiungersi a quelli noti fin dagli anni passati.

La donna uccisa in queste ore a Montepulciano non era fra quelle seguite dal Centro, ma ciononostante le operatrici e le consulenti del Centro sono state colpite da profondo dolore per la morte di una donna uccisa così brutalmente solo perché libera di prendere decisioni in modo autonomo.

Ormai da più di 10 anni l’Associazione Amica Donna, oltre che accogliere ed accompagnare
le donne nel percorso difficile dell’uscita da situazioni di violenza nelle relazioni intime, attua
campagne di sensibilizzazione al problema, non solo nei confronti degli adulti, ma anche dei più
giovani.

La scarsa conoscenza del fenomeno, delle dinamiche e della sua diffusione, la convinzione
radicata che la violenza nelle relazioni intime sia un “fatto privato” e non un reato, la presenza di
preconcetti sulla corresponsabilità della donna nella violenza sono tutti argomenti che spingono a
ritenere prioritario adottare tutte le misure appropriate, specialmente nel campo dell’educazione, per
modificare i modelli di comportamento sociali e culturali degli uomini e delle donne e per eliminare
i pregiudizi, le pratiche consuetudinarie e ogni altra pratica basata sull’idea dell’inferiorità o della
superiorità di uno dei due sessi e su ruoli stereotipati per gli uomini e per le donne.

L’Associazione Amica Donna, proprio per il ruolo sociale che le compete, non può esimersi
dall’annotare, ancora una volta, che la violenza contro le donne è un problema sociale, culturale ed
economico complesso che può e deve essere affrontato in una logica di rete e di coinvolgimento
attivo di ciascuno – cittadini ed istituzioni – senza che sia liquidato come un “problema delle
donne”: per sradicarlo occorre cambiare le regole culturali, sociali ed economiche dei diversi
sistemi sociali e questo può essere fatto solo con un coinvolgimento totale della società.
La vita delle donne è messa in pericolo dalla quotidiana cultura di sopraffazione degli
uomini, uomini che arrivano anche ad uccidere perché incapaci di sostenere la relazione affettiva e
che non accettano e negano la libertà della donna. Uccidere è più facile che affrontare i conflitti,
mettersi in discussione, riconoscere alla donna dignità e rispetto.

E’ fondamentale che il problema sia conosciuto nel suo effettivo significato in modo che
ciascuno di noi possa farsi parte attiva nel contrasto alla violenza sulle donne, nei diversi campi in
cui opera: a scuola, presso le istituzioni, in chiesa, in famiglia, proponendo modelli di rapporti tra i
generi in cui non sia più possibile confondere il possesso e la violenza con l’amore.

La nostra comunita’ colpita da questa tragedia, apra gli occhi su una realtà’ che spesso non
vogliamo vedere, che ci attraversa invece profondamente, come i numeri testimoniano, e che, per
essere affrontata,deve essere compresa e approfondita. C’è bisogno di una cittadinanza attiva e
attenta, di istituzioni presenti e determinate ,di una rete i cui soggetti siano formati a capire il
fenomeno della violenza di genere ed abbiano veramente intenzione di individuarla e combatterla.
Anche questa volta una donna è stata uccisa e un bambino subisce una violenza
pesantissima. Molte volte la famiglia non è un luogo di amore e armonia, non lo è se manca rispetto
e parità’ nella coppia, se si riproducono, al suo interno, quegli stereotipi che ancora questa nostra
società’ non ha superato e presenta spesso come “valori tradizionali”.

Mentre piangiamo dunque questo nuovo feminicidio, chiediamo a tutti un momento di
profonda riflessione sul fenomeno della violenza di genere, affinché ne scaturisca una spinta ad
attivarsi.

Tutti noi e in particolare i soggetti preposti ad arginare e combattere questo nostro dramma
sociale.

La Presidente di Amica Donna
Assunta Bigelli

Alcuni eventi dei centri
Comments are closed.

CON IL CONTRIBUTO DI: